S64 Märklin 88687 e Lok 101 DB Bayer Leverkusen BR yicqzo1449-Locomotive

  1. UNA NUOVA SPERANZA di George Lucas (1977)

    Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…
    anche se sei l’ultimo jedi (non proprio l’ultimo eh) devi comunque assicurarti che la ragazza con cui vuoi provarci non sia imparentata con te. Si scherza. La lezione non può essere più chiara: se sei uno Skywalker, è destino che la gran Minitrix N 15870 treno rapido Auto-SET Rheinoro' 62 Merce Nuovaparte della tua famiglia venga uccisa. No, si scherza ancora. La lezione vera è che c’è sempre speranza. Anche quando sembra che il lato oscuro è in possesso della Morte Nera.
  2. LA STORIA INFINITA di Wolfgang Petersen (1984)Ogni buon libro può essere rovinato da un pessimo filmK-Line K4616-30064 Circus RR O Scale 18 Extruded Aluminum Transport Sleeper 64. Lezione dura che va imparata il prima possibile. È sempre meglio leggere prima il romanzo e non farsi venire il sangue amaro per la trasposizione cinematografica.
  3. WARGAMES – GIOCHI DI GUERRA di John Badham (1983)Cervello umano batte computer, purché sia allenato a pensare. Questo film è una versione retrò e young adult di Matrix, adatto quindi anche[Beauty immediate decision] KATO 10-1170 Series 101 800 Central Line ai più piccoli. (Si sta continuando a scherzare, ovviamente…)
  4. L’ARMATA DELLE TENEBRE di Sam Raimi (1992)Questo è forse uno dei film più educativi che io abbia mai guardato da piccola. Mai come prima, guardandolo ho capito l’importanza dell’uso delle parole. In ogniBw219-0, 5 8x Märklin traccia 0 1 lamiera-LANTERNE Finta per e-Morbida mano morbida circostanza bisogna sempre usare il linguaggio corretto. Soprattutto se non vuoi risvegliare un’armata di morti-viventi.
  5. INDIANA JONES E I PREDATORI DELL’ARCA PERDUTA di Steven Spielberg (1981)La scena cult, in cui Indiana Jones sconfigge con un semplice colpo di pistola il rocambolesco spadaccino nemico, regala un grande insegnamento. Cerca sempre di essere al passo coi tempi. Non è detto che old style sia meglio. A volte, il progresso tecnologico aiuta.

Titolo originale: Anno Dracula
Autore: Kim Newman
Anno: 1992 (ed. originale); 1997 (ed. italiana)
Editore: Fanucci
Pagine: 426
Prezzo: 8€Kato 281 Series Haruka Saha 281-1091 Cars

Inghilterra 1888. Dopo aver sconfitto Van Helsing e i suoi amici, il Conte Dracula domina sul Regno Unito. Il Re dei vampiri ha sposato la Regina Vittoria, trasformandola in una non-morta, e i nosferatu imperversano. Le strade della Londra notturna sono battute da bande di vampiri inUNIQUE TOYS Transformers Masterpiece Y-03 Investigator Sworder Sandstorm Figure cerca di preda e, nella luce dei lampioni, prostitute-vampire adescano i clienti in cambio di una pintaToy Model in miniatura in plastica in scala 1 6 Figura con accessori di sangue. Nelle ombre di questa metropoli si aggira uno spietato assassino che uccide solo giovani donne non-morte, e si fa chiamare Jack lo Squartatore… Charles Beauregard, agente speciale alle dipendenze del misterioso Club Diogene, e Geneviève Dieudonné, vampira gentile di una stirpe che si contrappone a quella del conte di Transilvania, uniscono le loro forze per scovare l’autore di questi efferati delitti, che minacciano di sovvertire l’ordine sociale dando vita a un mondo sorprendente, in cui vivi e non-morti coesistono e la legge di Dracula ha soppiantato le regole della civiltà.

Voti della RASSEGNA FANTASTICA
Trama: •••• (4/5)
Credibilità: ••••• (5/5)
Stile: •••• (4/5)
Edizione: •• (2/5)

Questo libro ha riscosso tanto successo in patria quanto poco ne ha suscitato qui da noi. Il motivo è semplice. Il romanzo di Kim Newman è un tributo al romanzo gotico inglese e alla storia della nazione britannica di fine Ottocento. I personaggi sono tutti lì: Dracula, Dr. Jekyll, i fratelli Holmes, Jack lo Squartatore. Ci sono, ma non come protagonisti. Newman in questo ha operato una scelta sagace: saccheggiare il più possibile la letteratura dell’orrore a tema vampiri (e non), creando due protagonisti totalmente originali che ballano il loro valzer narrativo attorno a uno stuolo di celebrità. È difficile definire il genere di quest’opera… mi azzarderei a dire che si tratta di un horror distopico. Chiunque abbia letto Dracula si sarà chiesto almeno una volta “e se avesse trionfato il principe di Valacchia?”. In questo libro l’autore ci mostra un’alternativa plausibile alla vittoria di Van Helsing. La trama è lineare e la voce narrante alla terza persona permette di seguire la storia da più punti di vista. Il risultato è un romanzo corposo, credibile e, a suo modo, appassionante. MoltoTransformers Prime Terrorcon Cliffjumper Completo Cyberverse Leggende 7.6cm particolare è la scelta di utilizzare anche la prima persona esclusivamente per il flusso di coscienza di Jack lo Squartatore. In lui, fragilità e violenza si alternano così come nel lettore si alterna l’opinione che lui sia effettivamene una vittima oppure un carnefice. Il gioco psicologico si regge tutto sul fatto che lo Squartatore uccida delle vampire prostitute. Prostitute innocenti forse, ma pur sempre vampire. Nella sua riflessione sul “dono nero”, infatti, Anno Dracula ci introduce in una società vampirica complessa, in cui i rapporti tra vampiri e caldi (=i vivi) non sono assolutamente scontati come certi stereotipi letterari vogliono far credere e in cui gli stessi vampiri sono divisi tra chi cerca di mantenere in vita la propria umanità e chi invece decide di abbracciare e diventare la morte. Un mostro è tale per ciò che fa o per l’intenzione che lo muove?
Ho trovato molto utile l’elenco dei personaggi storici, letterari e cinematografici presenti nella storia proposto alla Hobby Master HA1326 1 72 A-10C 100 Anniversary of the 107th FS 81-099fine del libro dal traduttore Bernardo Cicchetti. Invece, sono rimasta delusissima (e sottolineo il superlativo) dalla pessima correzione delle bozze: a circa un terzo del libro ho iniziato a contare i refusi e sono arrivata a 16 [!], di cui uno – un errore di impaginazione – sulla quarta di copertina [!!!]. È la seconda volta che trovo refusi in un libro della Fanucci (qui la recensione di “La Città & la Città”), spero sia stato solo una pessima coincidenza…

Le citazioni preferite

«”In fede, vostro Jack lo Squartatore”? Lo scrittore di lettere è qualcuno che conosco? Lui sa qualcosa di me? No, lui non comprende la mia missione. Io non sono un lunatico giocherellone. Sono un chirurgo che asporta il tessuto malato. Non c’è alcun ‘divertimento’ in questa cosa.» p. 207
~
«Tutta questa faccenda puzza di ancient[*] régime, non pensate?» p. 322

[*] Uno dei tanti refusi che, però, non riesce a rovinare la fantastica battuta.

Perché comprarlo. Tutti coloro che hanno amato Dracula di Bram Stoker o a cui piacciono le atmosfere gotiche dei romanzi ambientati in epoca vittoriana devono leggere almeno una volta nella vita questo romanzo.Dragon BALL Z DBZ 16 TAPION SUPER GUERRIERS da AB TOYS - 1989 DA COLLEZIONE

Perchè non comprarlo. La storia è quello che è. Se avete lo stomaco debole e al solo pensiero di Jack lo Squartatore vi sentite svenire, questo non è il libro adatto a voi.

Link utili
Link a Dracula di Bram Stoker (da leggere assolutamente prima di mettere mano ad Anno
Link al fumetto: (MAFEX Mafekkusu SUPERMAN Superman The Birth of Batman vs Superman Justice

Purtroppo su Amazon sono finite le copie nuove dell’edizione italiana; tuttavia, sparse nel web, si trovano diverse copie usate. (Se siete a Roma vi presto la mia copia, purché me la ridiate indietro :P)

Titolo originale: The City & the City
Autore: China Miéville
Editore: Fanucci8 all original WGSH Iron Man w box (1974) Mego World's Greatest Super Heroes
Pagine: 361

Immaginate due città, separate e unite allo stesso tempo, in un punto indefinito dell’Europa. Figlie della catastrofe post-sovietica. Due città sovrapposte, che condividono lo stesso spazio, ognuna con le proprie strade, i propri palazzi, i propri cittadini, la propriaMedicom Toy Toei Retro Soft Vinyl Collection Eikingu storia, la propria identità. Un’anomalia spazio-temporale, un capriccio tecnologico, un errore nella creazione, una scissione a un certo punto della storia? Tutto questo, o forse no. Per un cittadino dell’una il più grave reato è quello di vedere un cittadino dell’altra: sono due mondiDragon 1 6 SCALA WW II German Cyber-hobby l'Oberst MAX Progetto ADLER 1943 vicinissimi, eppure incomunicabili, e la punizione per chi trasgredisce è certa e impietosa. Così tutti sono abituati fin dalla nascita a non-vedere, a sfuggire ogni forma di contatto con gli altri che pure sono lì, sotto i loro occhi e a portata di mano. Viene scoperto un delitto, in una delle due città, e le indagini portano fino all’altra città, e poi oltre, in un’altra realtà che nessuna delle due sembra conoscere, e che forse le trascende entrambe.

Voti della RASSEGNA FANTASTICA
Trama: •••
Credibilità: ••••
Stile: ••••
Edizione: •••

S64 Märklin 88687 e Lok 101 DB Bayer Leverkusen BR yicqzo1449-Locomotive

In questo romanzo China Miéville affronta la tematica della coesione sociale e delle identità nazionali con incredibile originalità. Immaginate l’esistenza di due città all’interno di uno stesso perimetro: alcune vie appartengono all’una, alcune appartengono all’altra, alcune sono addirittura condivise! Eppure gli abitanti si ignorano e sono obbligati a disvedere tutto ciò che appartiene o proviene dalla città altra. A vigilare sul rispetto di tali leggi c’è un oscuro potere che si fa chiamare Violazione. Ma cosa succede se qualcuno architetta un omicidio a cavallo tra le due città senza commettere una violazione? La Città & la Città è un fanta-thriller che ricrea le atmosfere tipiche del noir d’autore condito con un linguaggio ispirato a Philip K. Dick. Il romanzo scorre veloce, mentre il lettore divora una pagina dopo l’altra seguendo la storia tramite il racconto e le riflessioni del protagonista, il detective Tyador Borlù. La trama è articolata, come ogni crime che si rispetti, ma credibile. Troviamo colpi di scena a volontà, che però non risultano mai artificiosi. Borlù è un personaggio a tutto tondo, che non può non piacere al lettore: poliziotto assetato di verità, conVintage 1980's Doctor Octopus Yupi verde Figure Colombia - Rare un’anticchia di cinismo e coraggio da vendere. Questo libro meriterebbe un seguito solo per permetterci di continuare a seguire la sua storia. Personalmente, non ho gradito molto il risvolto forse un po’ ideologico cui si assiste verso la fine del romanzo, al momento della rivelazione su chi sia l’assassino e il suo movente. Tuttavia, La Città & la Città restaTransformers Masterpiece Shatterosso Glass Optimus Prime Takara una piccola perla, che ha fatto vincere all’autore i premi Locus, Arthur C. Clarke, British Science Fiction e World Fantasy. La traduzione di Maurizio Nati è molto buona, considerate anche le difficoltà dovute alle innovazioni linguistiche dell’autore. L’unica pecca dell’edizione Fanucci sono i refusi che disturbano abbastanza chi ci fa caso.

Perché comprarlo. La Città & la Città è un must per i cultori del genere e per chi vuole sperimentare un libro a metà tra la scrittura di Raymond Chandler e quella di Philip K. Dick. Può essere un bel regalo per gli appassionati di thriller o per gli amanti dei romanzi politici.

Perchè non comprarlo. Non lo comprate se cercate una storia d’amore, un romanzo di fantascienza con alieni o un urban fantasy con vampiri, licantropi e stregoni. Non ce n’è neanche l’ombra!

Leggi anche tu il romanzo (trovi il link qui sotto) e fammi sapere cosa ne pensi! 🙂
Link al libro: G.I.JOE Hall of Fame - Destro
Link al formato ebook: Wonder Woman - Wonder Woman Super Powers Jumbo Kenner Action Figure 1 6 Scale -

C’era una volta una ragazza di nome Cenerentola.
La giovane fanciulla desiderava tanto andare al ballo per incontrare il principe azzurro. Come in tutte le favole che si rispettino, la fata madrina le apparve innanzi e le chiese di esprimere un desiderio. Uno solo, però, perché lei era una fata e non un genio della lampada. Il sindacatoKato 10-384 500 Series Shinkansen Bullet Train 2 Car Add-On Set N Scale New delle fate madrine, infatti, aveva stabilito che per le aspiranti principesse si potesse esaudire un solo desiderio.

La piccola Cenerentola, tanto inesperta quanto innocente, chiese alla fata di poter indossare un Oscar de la Renta.
“L’abito non fa il monaco, lo so…” disse “ma sicuramente un de la Renta aiuta”.
Fin qui, nulla da obiettare alla nostra eroina. Dopo averle cucito l’abito addosso, la fata la guardò e si convinse di aver fatto un ottimo lavoro, ma sorse immancabilmente un altro problema: come andare al ballo?
Per fortuna, tempo prima, Cenerentola aveva acquistato online un fantastico buono di Groupon che con soli 10€ le permetteva di ricevere dalla fata una carrozza in affitto per 2 ore.
Sappiamo tutti come funzionano questi buoni, perciò non ci stupiamo che la fata utilizzasse qualche topo e un cane per trasformarli in un tiro a quattro con cocchiere. Anche se l’accrocco era un po’ da pecioni, tutto sembrava andare per il verso giusto. Lei era splendida nel suo abito firmato e, tutto2x 1 6 donna Figure Head Sculpt Female for 12 Hot Toys Phicen Body Doll sommato, i topolini se la cavavano bene sotto forma di cavalli.
Il cocchiere domandò dove dovesse scortare Cenerentola e la ragazza, senza rendersi conto di cosa significasse poiché aveva passato la vita nella villona in campagna della matrigna, disse candidamente che il ricevimento si sarebbe svolto nei pressi del centro di Roma.
Il tragitto fu breve – nessun incidente sul Raccordo né sul Muro Torto. La sorte sembrava arriderle! Poi, la tragedia. Oltrepassato il Tevere bisognava solo trovare un posto. Il cocchiere girò girò e girò… Purtroppo,[Feature] Nendoroid Touken Ranbu -ONLINE- Yakuken Fujishiro (Good Smile Limited) la piccola Cenerentola non riuscì mai a coronare il suo sogno di andare al ballo: il buono Groupon finì prima di riuscire a parcheggiare, la carrozza si trasformò in una zucca e lei perse il suo Oscar de la Renta prima di poterlo sfoggiare di fronte al suo principe.
La morale della favola è che, se hai un appuntamento in centro con il principe azzurro, vai con il taxi.

Scherzi a parte, il post di oggi nasce da una riflessione profonda. Se persino Cenerentola, che aveva dalla sua una fata, non è riuscita a trovare parcheggio a Roma, perché io ci spero ancora?

Da piccoli, i genitori spronano a sognare in grande (un po’ come Mufasa con Simba: “E questo sarà tutto mio?”; “TuttoArnold N 6388 Hand-Piattaforma girevole super stato Quanto!”). C’è chi sogna di diventare un astronauta, chi sogna di fare il veterinario, chi di diventare una ballerina o una scrittrice. Più vado avanti e più mi convinco che dovrò cominciare a educare A. a desiderare cose ancora più grandi. Tipo trovare parcheggio all’ora di pranzo vicino a San Pietro.

Perché, ammettiamolo, come cavolo si fa ad andare a fare la spesa in macchina con una bambina piccola, senza essere animati dall’ottimismo di Walt Disney o dalla speranza di Gesù? Devi essere molto molto MOLTOBinario Wendel Spur N, Traccia Z doppio binario, 5 giri CNC realizzato spirituale oppure talmente strafatto da non accorgerti delle ore che passerai a fare il giro del quartiere in attesa che un parcheggio si liberi.

 

Il sensazionale di tutta questa storia è che ogni anno aumentano le macchine che circolano e ci sono sempre meno parcheggi! Sotto casa nostra sono spuntati ben 7 posti del corpo diplomatico… Caro ambasciatore, perché devi avere un parcheggio riservato? Se sei stato trasferito a Roma, è giusto che tu te la goda fino in fondo. Quindi, perché non provare l’ebbrezza di perdere metà serbatoio alla ricerca di un posto?

Poi ci sono i posti per gli invalidi… Oltre a essere una città nemica dei bambini, Roma è innanzitutto una città nemica dei disabili. Fate caso a quante volte gli scivoli per le carrozzine sono bloccati da una macchina parcheggiata davanti al marciapiede. E pensate a quante persone utilizzano a sproposito il parcheggio riservato. Qualche tempo fa, ho assistito al litigio di due signori (uno con il suv Range Rover, l’altro con la Stelvio – macchine utilizzatissime da tutti i portatori di handicap di questo mondo) che discutevano su chi avesse la precedenza per parcheggiarsi al posto riservato agli invalidi. Ovviamente era sabato pomeriggio. Ovviamente in macchina non avevano un disabile. Ovviamente con loro c’era una giovane signora con tacchi altissimi e l’agilità di Usain Bolt. Quasi sicuramente non avevano neanche il permesso d’invalidità. E i disabili, intanto, girano e girano come il cocchiere di Cenerentola.

Poi ci siamo noi. LeXM STUDIOS Ultimate Spadaccino 1 4 Statua JADE COMICS EROI orientali mamme con bambini piccoli che, pur avendo una disabilità organizzativa chiamata passeggino, non hanno mai posti riservati. Non c’è un posto riservato alle mamme davanti alla posta o al supermercato, né parcheggi speciali nelle zone intasate come il centro. Nella giungla urbana, noi sfidiamo le leggi della fisica. Non è una questione di bravura, ma di necessità. Se non riusciamo a parcheggiare una Yaris nello spazio di una Smart, siamo condannate all’estinzione nostra e dei nostri cuccioli.

Oggi, dopo aver passato più di cinquanta minuti a girare, sono stata costretta a parcheggiare la macchina in doppia fila davanti a un passo carrabile (perché ho pensato “se mi devo far fare la multa, tanto vale che blocchi la macchina a qualche str***o che parcheggia dove non dovrebbe”) e salire a casa per dar da mangiare ad A.. Finito il biberon sono scesa e ho continuato a girare finché non ho trovato un posto decente. Giuro, non era mia intenzione prendere la macchina, ma non riesco a portare più di una busta se con l’altra mano spingo il passeggino: l’auto era l’unica scelta possibile.

Cara fata madrina, io non ti ho chiesto un de la Renta per conquistare la mia dolce metà. Ci siamo corteggiati senza carrozze e balli e ci siamo sposati senza chiederti una lira. Perciò, se proprio vuoi farmi un regalo, mi piacerebbeM.A.S.K. Mask Split Second Vintage Vehicle Mask - Dynamo + Bruce Sato - Kenner avere un parcheggio riservato alle mamme con i bambini piccoli. Prometto di non usarlo per parcheggiare quando vado fuori a cena con m., oppure quando vado a Porta di Roma a fare shopping. Prometto di usarlo solo in caso di bisogno, così G.I.JOE - 1992 - Snow Stormda non sottrarlo ad altre mamme in difficoltà. Prometto di averne cura e di restituire il permesso quando A. non mangerà più ogni quattro ore e non dovrò darle il biberon. Cara fata, nel caso non riuscissi a esaudire il mio desiderio, ti allego l’indirizzo per spedirmi il de la Renta!

Alla prossima 😉 DeAgostini WW2 Aircraft Collection Vol 59 Fighter 1 72 Heinkel He162 Salamander

Risultati immagini per dorian gray gif